Sherlock Holmes, pastiche tra il 1888 e il 1930

ad-Sherlock-Holmes-1904-safe-ad-295x300Oggi segnalo un sito web che rappresenta, a mio giudizio, una fonte di assoluto divertimento per gli appassionati di Sherlock Holmes e in particolare per coloro che amano la produzione apocrifa, che tanto ha contribuito a perpetuare il “mito” dell’investigatore di Baker Street. Il sito in questione (forse più correttamente dovrei definirlo blog) è planetpeschel.com, curato dallo scrittore Bill Peschel, autore, tra l’altro,di Annotated Novels by Agatha Christie” e “Annotated Novels by Dorothy L. Sayers”. Ma per gli appassionati di Sherlock Holmes il blog di Peschel contiene un canale (questo: Sherlock Holmes Parodies and Pastiches, 1888-1930), che rappresenta una affascinante raccolta di apocrfi, parodie e pastiche apparsi tra il 1888 e il 1930.

Ecco come Bill Peschel presenta il progetto:

“Sono stato un fan di Sherlock Holmes per molti anni, ma ultimamente il mio interesse è rivolto alle numerose parodie e e agli altrettanto numerosi pastiche che sono apparsi durante la vita di Conan Doyle. “Il Progetto 223B” è la mia casa per quelle storie che ho trovato una porta più avanti del notabile indirizzo di Baker Street.
Qui di seguito si trova un elenco delle opere che ho pubblicato sul blog finora. Ho anche adottato, come prerogativa d’autore, di aggiungere opere al di fuori del periodo 1888-1930 che risultano particolarmente fresche”.

La cosa che ho trovato assolutamente affascinante è che per la gran parte dei casi le parodie e i pastiche sono riproposti, attraverso scansioni e pdf, così come furono pubblicati sulle pagine delle riviste e dei quotidiani. Insomma, un archivio digitale che regala al lettore la resa tipografica dell’epoca in cui le storie che omaggiavano Sherlock Holmes furono pubblicate.

Non mi resta che augurarvi buona lettura. E ovviamente, di seguire il blog nel tempo, perché “Il Progetto 223B”, ogni martedì e ogni venerdì, si arricchirà di altre sorprese.